Garanzia auto usate: le domande più frequenti

Non è facile scoprire tutto sulle garanzie auto usate. Le domande sono tante ma qui trovi le risposte che stavi cercando. Sfoglia l'articolo e cerca la soluzione per un acquisto sicuro.

Hai comprato un’auto usata e le tue paure si sono materializzate: si è rotta. Tutti i calcoli che avevi fatto sul risparmio sono in forte dubbio. Il rischio di sentire il fatidico “Te l’avevo detto” di amici e parenti che ti avevano sconsigliato l’usato si sta facendo minaccioso.

Dovrai pagare tu la riparazione o c’è la garanzia? Avresti dovuto informarti meglio prima dell’acquisto, ma non tutto è perduto: le informazioni che sto per darti possano esserti d’aiuto. Ecco le risposte alle domande più frequenti sulla garanzia auto usate.

Guasto respinto dalla garanzia: cosa fare?

La garanzia che mi ha dato il venditore ha respinto il guasto perché il pezzo non è coperto: devo pagarlo io? La garanzia è definita dal Codice del Consumo “convenzionale ulteriore”.

Di cosa si tratta esattamente? È una garanzia aggiuntiva affidata in gestione a una società esterna che interviene per conto del venditore se il guasto rientra tra quelli previsti.

In genere prevede un elenco limitato di organi coperti ma non sostituisce e non limita la Garanzia Legale. Questo significa che se il pezzo non è coperto dalla garanzia convenzionale, dovrà farsene carico il venditore che rimane l’unico responsabile.

Meglio usare ricambi usati o nuovi?

Vogliono utilizzare un ricambio usato. Come devo muovermi? La garanzia legale impone al venditore il ripristino del mezzo. Può utilizzare ricambi usati, rigenerati o revisionati. Se preferisci un ricambio nuovo puoi proporre al venditore di coprire tu il maggior costo.

La garanzia è obbligatoria per legge all’acquisto?

Una situazione che devi contemplare: ho comprato l’auto da un commerciante ma non mi ha dato nessuna garanzia. Non è obbligatoria per legge? La cosiddetta Garanzia Legale si applica a tutte le compravendite tra un professionista e un privato.

Non è necessario che il venditore rilasci un certificato o un libretto di garanzia, si applica comunque per due anni dalla consegna. Se hai riscontrato un difetto devi segnalarlo al venditore inviando una raccomandata. Un punto è chiaro: lui dovrà gestire il reclamo proponendo un rimedio che abbia l’effetto di ripristinare l’auto.

CERCHI UNA GARANZIA? FAI UN PREVENTIVO IN 30 SECONDI ▶︎

Cosa significa la clausola vista e piaciuta?

Il venditore mi ha fatto firmare un foglio con la rinuncia alla garanzia. C’è scritto vista e piaciuta, cosa significa? È una clausola vessatoria, non si può rinunciare a un diritto sancito dalla legge. Se non ci sono altre clausole che limitino a un anno le responsabilità del venditore, la tua auto è garantita 24 mesi sui difetti di conformità.

La verifica del guasto è indispensabile?

Forse sei vittima di un sopruso, ecco la situazione reale: hai fatto riparare il guasto ma non ti vogliono restituire i soldi che hai speso. Quali diritto puoi far valere? In realtà non devi mai far riparare la macchina senza l’autorizzazione del venditore.

Gli hai negato il diritto di verificare il guasto e proporti un rimedio adeguato. Dovevi informarlo del difetto e chiedere di risolverlo. Cosa fare se hai inviato una raccomandata e non hai avuto risposte? Rivolgiti a un avvocato esperto di Codice del Consumo.

Quando la garanzia è obbligatoria?

La garanzia è obbligatoria anche se acquisto l’auto da un privato? No. La garanzia legale si applica solo se acquisti da un venditore professionista. In caso di guasto dovrai provvedere da solo, a meno che tu non sia in grado di dimostrare che l’auto fosse già difettosa al momento dell’acquisto e il venditore ne era a conoscenza. Ma dovrai fare una causa.

Se vuoi la garanzia per privati devi rivolgerti a una Compagnia Assicurativa e acquistare una polizza sui guasti meccanici. Ecco quando è necessaria una garanzia auto usata.

Garanzia auto usata: un anno o due anni?

Il venditore dice che sull’auto usata la garanzia è di un anno, il mio avvocato sostiene che è di due anni, chi ha ragione? La soluzione è semplice: la garanzia è di due anni. Sull’usato può essere ridotta ad uno ma ci deve essere accordo tra le parti.

Controlla se sull’atto di vendita il venditore ha scritto qualcosa a riguardo. Attenzione anche a distinguere tra la garanzia legale e quella aggiuntiva. Alcuni venditori consegnano insieme all’auto un libretto di Garanzia valido un anno e ritengono che sia sufficiente a limitare anche la durata della garanzia legale ma non è così, sono due cose distinte.

Tagliando auto: meglio farlo a 10 o 30.000?

La garanzia mi ha respinto il guasto perché avrei dovuto fare un tagliando ogni 10.000 km ma il libretto di manutenzione della mia auto prevede un intervallo di 30.000 km.

Forse stai parlando della garanzia aggiuntiva. Le condizioni previste possono prevedere clausole che ne limitino l’operatività ma non limitano i tuoi diritti. Se la garanzia ha respinto il guasto rivolgiti al venditore. Per approfondire: quando fare la revisione auto.

Società e auto usate: c’è garanzia?

Ho comprato un’auto usata intestandola alla mia società. C’è un guasto e il venditore mi dice che non ho garanzia, ha diritto di farlo? Ha ragione. La garanzia legale si applica solo alle compravendite tra professionista e privato. Se l’hai intestata alla società si presume che tu faccia un uso professionale del bene. E non hai diritto al Codice del Consumo.

Devo contribuire alla spesa dei guasti?

Ho un guasto e mi dicono che devo contribuire alla spesa, è vero? Non devi pagare nulla. Tu hai diritto al ripristino dell’auto senza spese. Il venditore può scegliere i ricambi. Ma se per la riparazione ci sono solo pezzi nuovi è un suo problema, salvo che prima della vendita ti abbia informato in che misura avresti dovuto partecipare.

Come risolvo i problemi al contachilometri?

Una situazione che riguarda spesso chi acquista un’auto usata. Ho scoperto che il contachilometri segna una percorrenza inferiore a quella reale, c’è un problema che contempla la classica situazione del tachimetro schilometrato. Cosa faccio in questi casi?

Garanzia auto usate

È un difetto di conformità non sanabile, il venditore non può ripristinare il bene. Il Codice del Consumo, quando non c’è rimedio, prevede che il venditore restituisca parte del prezzo per effetto del minor valore dell’auto o la risoluzione del contratto senza spese.

Problemi di motore e alla cinghia di distribuzione

Ho comprato un’auto con 120.000 km, ne ho percorsi poche migliaia e si è rotta la cinghia di distribuzione con danni al motore. Il venditore dice che è usura. Cosa faccio?

La cinghia di distribuzione è in garanzia? Se il piano di manutenzione dell’auto prevedeva la sostituzione a km 100.000 il venditore ne deve rispondere. Se il venditore non ti ha informato che era necessario intervenire sulla cinghia, essendo passata la scadenza indicata dal costruttore, tu dai per scontato che sia stata già sostituita. È un difetto di conformità. Per approfondire consulta la pagina sulle riparazioni auto in garanzia.

La manutenzione dell’auto influenza la garanzia?

La garanzia ha respinto il guasto perché dicono che il tagliando non è regolare. Perché? Una corretta manutenzione è elemento essenziale per mantenere la validità di qualsiasi garanzia. Devi rispettare le prescrizioni della casa costruttrice proseguendo il programma di controlli come se avessi comprato l’auto nuova.

Non basta fare cambio olio e filtri, devi verificare che siano eseguiti tutti i controlli e le sostituzioni previste dal libretto. E devi conservare la ricevuta fiscale sulla quale devono essere riportati i codici dei ricambi. Se il venditore non ti ha consegnato il libretto, puoi trovare il dettaglio del tagliando previsto sulla tua auto sul sito di Quattroruote.

Per approfondire: come capire quando cambiare la frizione auto

Hai altre domande sulla garanzia auto usata?

Non tutte le risposte si trovano qui. Potresti aver bisogno di altri chiarimenti. Puoi consulta le nostre FAQ oppure, se hai altre domande, puoi scrivere nei commenti: ti risponderò volentieri. Affrontiamo insieme questo argomento così importante.

About the Author

Andrea De Sanctis

Lavoro da più di 10 anni nel settore delle Garanzie auto ma mi sento ancora un ospite nel mercato Automotive. Ho fondato GaranziaOnline.it. con l'intento di offrire soluzioni direttamente al cliente finale, senza intermediazioni, libero dalle dinamiche tipiche del settore. "Le persone acquistano vantaggi!" è il mio mantra.

35 Comments

  1. Buongiorno, io ho un problema, mi mamma, che fa l’operaia e non ha partita iva mi ha intestato la macchina che io so pagando grazie al finanziamento della compass.
    È usata.
    E dopo pochi viaggi le spie hanno cominciato ad accendersi come alberelli di natale.. l’olio finisce ogni giorno.
    Torno in concessionaria e mi dice ti ho fatto il prezzo da commerciante e non hai la garanzia. La domanda sorge spontanea. Chi è il commerciante? Come ha fatto a registrarci come commercianti che non abbiamo una carta che possa permettercelo. Sta dicendo il vero? O è solo un modo per farmi pagare la riparaZione? Sul acquisto come lo verifico?

    • Buongiorno Samuel,
      Se l’auto è intestata a te e non è stata fatturata a partita iva, si applica il Codice del Consumo e quindi, in quanto “consumatore” hai diritto all’applicazione della garanzia legale di conformità. Se il commerciante rifiuta di intervenire rivolgiti ad un associazione di difesa consumatori o ad un avvocato che conosca questa specifica normativa.

  2. Buongiorno a marzo del 2017 ho preso una lancia delta usata da un rivenditore auto con cambio robotizzato, dopo circa un mese si accendeva la spia del cambio dicendomi anomalia cambio, portata x ben 4 volte all officina dove si appoggia il venditore sostituiscono il sensore del freno ma il problema compariva sempre, allorché dopo la quarta volta l officina dice che si deve aprire la garanzia e mi fa firmare un foglio dove dice che se il pezzo non rientrava in garanzia dovevo pagare io le spese di smontaggio e rimontaggio, l’officina smontando la macchina ha trovato il guasto “attuatore della frizione” il che la garanzia mi dice che non rientra in garanzia xke e un componente di usura. La macchina già aveva questo problema, da premettere che ha 6 giorni che ho affittato una macchina ed in più la mia fidanzata è nella sedia rotelle. Che devo fare? Potete contattarmi x piacere 327/3298023 daniele

    • Ciao Daniele,
      Devi scrivere direttamente al venditore, non al gestore della garanzia, chiedendo l’immediato ripristino, senza spese, della conformità del veicolo sottolineando che il difetto, manifestatosi a un mese dall’acquisto, nonostante i ripetuti interventi da loro effettuati, non è ancora stato risolto. Minaccia di richiedere la risoluzione del contratto in applicazione dell’art. 130 comma 7 del DLGS n.206 del 2005 “Codice del Consumo”. Se non risolvono dovrai recuperare tutta la documentazione necessaria e rivolgerti a un avvocato.

  3. Un venditore professionista è obbligato a dare garanzia anche nel caso di una vendita di un’auto storica? C’è un limite di età del veicolo oltre il quale non è prevista garanzia? Grazie

    • Ciao Gabriele,
      La Garanzia Legale si applica a tutti i beni di consumo venduti un venditore professionista ad un consumatore privato. L’auto rientra nell’applicazione della legge in quanto “bene di consumo” ma non sono previste clausole ne eccezioni specifiche di settore ne limitazioni legate all’età. L’applicazione della normativa a un’auto storica è però da interpretare perché l’art.129 che impone al venditore di consegnare beni conformi al contratto di vendita, definisce, al comma 2, anche le caratteristiche che un bene deve avere per essere conforme al contratto.

      2. Si presume che i beni di consumo siano conformi al contratto se, ove pertinenti, coesistono le seguenti circostanze:
      – a) sono idonei all’uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo;
      – b) sono conformi alla descrizione fatta dal venditore e possiedono le qualità del ben che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello;
      – c) presentano la qualità e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore può ragionevolmente aspettarsi,tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore o dal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicità o sull’etichettatura;
      – d) sono altresì idonei all’uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbia accettato anche per fatti concludenti.

      Ora volendo analizzare i vari punti attribuiti ad un’auto storica dobbiamo definire quale sia l’uso che l’acquirente ne vuole fare per poter definire quale difetto possa essere considerato tale da rendere non conforme il bene, o anche cosa sia ragionevole aspettarsi da un veicolo di quel tipo. È bene specificare tutto sul contratto di vendita che sarà il riferimento per determinare eventuali responsabilità del venditore.

  4. A gennaio 2017 ho acquistato in concessionaria un auto usata. Ad ottobre 2017 si è rotta la cinghia di distribuzione con conseguenti danni, circa 2000€. Il venditore dice che non è coperto dalla garanzia questo danno.
    Come devo comportarmi?

    • Ciao Valentino,
      la sostituzione della cinghia di distribuzione è un intervento prescritto nel piano di manutenzione dell’auto ad un certo chilometraggio o anzianità. Quindi per definire se ci una responsabilità imputabile al venditore devi verificare quando l’intervento era previsto.

        • Se anche il chilometraggio indicato non è coerente con la prescrizione dell’intervento di manutenzione della cinghia, puoi contestare il difetto in quanto non ragionevolmente attendibile date le caratteristiche dell’auto. Fossi in te farei anche qualche verifica sulla veridicità del chilometraggio…

          • Ho discusso tanto e il concessionario vuole offrirmi il 40% della riparazione circa 700 sui 1700 di preventivo. Dicendo che siccome l’auto è usata non può mettere il 100% è vero? Cosa devo fare? Accetto?

          • Valentino, il Codice del Consumo stabilisce che l’auto debba essere ripristinata senza spese per il consumatore.

  5. salve vorrei un consiglio su come agire ho comprato una ford focus da un rivenditore dopo 8 mesi la terza marcia grattava un poco per farla breve l assicurazione del rivenditore non mi ha voluto pagare nulla perche il cambio risulta tra le cose di usura…..cosa mi proponete di fare grazie

    • Ciao Giovanni,
      molto dipende dall’anzianità e dal chilometraggio dell’auto oltre che dalla diagnosi dell’officina. In linea di massima, però, la tesi del rivenditore potrebbe essere coerente con la tua descrizione perché l’auto al momento della consegna non manifestava il difetto che invece è emerso dopo otto mesi di utilizzo.

  6. Buongiorno,
    innanzitutto complimenti per l’articolo che mi ha spiegato un bel po’ di cose che non mi erano del tutto chiare.
    Ora spiego la mia situazione (ringraziando anticipatamente per l’eventuale risposta). Ad inizio settembre ho comprato la mia prima auto usata, una Seat Ibiza 1.4TDI, con 84000 km. Il giorno di S.Stefano (26 dicembre, 50 giorni e 6000km dopo l’acquisto dell’auto) dopo alcuni kilometri in autostrada il motore si è “sbiellato”, sfondando il monoblocco. Ho ovviamente chiamato il carroattrezzi che mi ha portato nel centro ACI più vicino, dopodiché ho fatto portare la macchina dal mio meccanico di fiducia (come concesso dal contratto di garanzia).

    Al momento dell’acquisto il venditore mi ha fatto stipulare la garanzia tramite Comforgest. Questi signori hanno cominciato subito a “fare storie”, ponendosi in tono piuttosto arrogante sia col mio meccanico che col sottoscritto e anticipando che difficilemente avrebbero pagato.
    La macchina è sempre stata tenuta molto bene (vabbé, per tre mesi….) e i livelli di olio erano sicuramente a posto. Allo stesso modo l’ho sempre usata correttamente (non sono un tizio che “corre” e sicuramente non l’ho portata fuori giri). Se quelli della ditta esterna (comforgest) continuano a rifiutarsi di venirmi incontro, è possibile che io possa rifarmi sul venditore della concessionaria?

    Chiedo scusa per il poema

    • Ciao Francesco,
      grazie per i complimenti. La società di garanzia opera in nome e per conto del venditore che rimane l’unico responsabile sull’applicazione della garanzia. La diagnosi della tua officina può determinare se il guasto rientri o no nelle condizioni previste dalla garanzia convenzionale. In ogni caso metti a conoscenza il venditore che, qualora il guasto non venisse riconosciuto dalla Conformgest, chiederai direttamente a lui, come previsto dalla normativa vigente, l’applicazione della garanzia legale di conformità. Non essendo ancora passati sei mesi dalla consegna, la legge prevede che, salvo prova contraria, il difetto fosse già esistente a quella data. Sta eventualmente al venditore, qualora volesse respingere l’intervento in garanzia, dimostrare che la rottura è da attribuirsi a cause che escludano la presenza di un difetto di conformità.

  7. Buongiorno, a novembre ho acquistato un auto usata del 2007 da un rivenditore giorni fa ho constatato che non era stato effettuato il cambio della cinghia di distribuzione provvedevo a portare l’auto dal mio meccanico di fiducia per la sostituzione della cinghia a mie spese. Durante il tragitto si verificava la mancanza di acqua nel circuito di raffreddamento dal controllo effettuato è stato rilevato la rottura del collettore d’aspirazione procedendo alla sostituzione del pezzo guasto. Come posso rivalermi sul rivenditore per il rimborso delle spese sostenute??? Grazie

    • Ciao Laura,
      In mancanza di un autorizzazione scritta del venditore potresti rischiare che si rifiuti di pagare perché la normativa non prevede che possa essere rimborsata una riparazione già effettuata. La procedura prevede che tu debba informare il venditore del difetto e chiedere che venga ripristinato. Lui ha facoltà di accettare il rimedio proposto (ad esempio la riparazione presso la tua officina) o di proporne uno alternativo. Se autorizzi la riparazione senza che il venditore sia d’accordo perdi il diritto all’applicazione della garanzia.

  8. Buongiorno, ho acquistato un auto poco tempo fa, il venditore al momento dell’acquisto mi fa presente che ha fatto cambiare la catena di distribuzione, dopo circa una settimana si accende la spia avaria motore, mi fermo alla prima officina faccio presente la situazione ed effettuano una diagnosi, risultato: albero a camme montato male quando è stato fatto il lavoro, mi rivolgo alla garanzia autoplus rilasciata dal venditore ma rispondono che loro coprono questo genere di guasto, come mi devo comportare? Grazie

    • Ciao Luis,
      La garanzia Autoplus è un servizio aggiuntivo rilasciato dal venditore che integra ma non sostituisce la Garanzia Legale di Conformità. Se il problema non è coperto dalla garanzia aggiuntiva puoi comunque rivalerti sul venditore che rimane l’unico responsabile nei tuoi confronti. Devi inviare un reclamo indicando la diagnosi dell’officina che attribuisce il guasto ad un difetto già esistente al momento della consegna e chiedere che l’auto venga ripristinata senza spese (Art.130 del D.Lgs 206/2205).

  9. Buongiorno,
    un amico ha acquistato un Land Rover con 165.000 km nel febbraio 2017.
    Dopo circa un mese ha riscontrato alcuni rumori strani al motore (nessuna spia era comunque accesa) ed ha riportato il veicolo al concessionario.
    Oggi non ha ancora la macchina e non sa nei dettagli l’entità del danno.La garanzia estensiva che ha sottoscritto non ne vuole sentire di pagare. Il concessionario ed il meccanico accampano scuse e temporeggiano: dicevano di aver trovato un motore con 40.000 km e chiedevano un contributo per la riparazione; poi hanno detto che avrebbero assemblato un motore loro…
    Ad oggi non ha ancora la macchina. E’ obbligato il concessionario a ripristinare il veicolo indipendentemente dal genere di guasto?
    Potrebbe far causa al concessionario? Eé quasi un anno che pazienta…
    Grazie mille

    • Ciao Mario,
      senza entrare nel merito del tipo di guasto, considerato che è quasi un anno che il tuo amico sta aspettando che il problema venga risolto, gli consiglierei di chiedere la risoluzione del contratto in applicazione dell’Art.130 comma 7 del D.Lgs 206/2005. In particolare, al punto b) l’articolo prevede che il consumatore possa richiedere la risoluzione se “il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine congruo …”

  10. salve, complimenti per l iniziativa alla quale aderirò sicuramente dovendo acquistare un auto usata.
    La domanda è la seguente: sul sito AUTOBASELLI di vendita auto, si vendono alcune vetture con la scritta “nessuna garanzia”e il significato di questa voce è il seguente: ” Nonostante siano pronte alla vendita e marcianti su strada, l’Autobaselli le pubblica ad un prezzo incredibile ma senza alcuna garanzia.
    L’AUTOBASELLI OGNI MESE, OFFRE SEMPRE, 4 O 5 VETTURE NON IN PERFETTE CONDIZIONI, PRONTE ALLA VENDITA AD UN PREZZO INCREDIBILE, RISERVATO AD OPERATORI DEL SETTORE, ALL’ ESPORTAZIONE O A PRIVATI CHE, VISTA L’ANZIANITA’ DELLA VETTURA O L’ALTO CHILOMETRAGGIO (ED IL BASSISSIMO COSTO) VENGONO VENDUTE ESCLUSIVAMENTE SENZA GARANZIA
    …come da privato a privato”
    ma essendo un rivenditore professionista questa clausa ha valore? non è tenuto comunque a dare una garanzia su ciò che vende indipendentemente dal prezzo?. Nel caso acquistassi da Autobaselli un’auto con questa clausola, è possibile anche fare una garanzia presso di voi per tutelarmi comunque in caso di guasti costosi? Grazie per l’attenzione

    • Ciao Aldo, grazie per i complimenti.
      Le clausole tese ad escludere i diritti del consumatore sono vessatorie e quindi nulle. Il Codice del Consumo prevede che il venditore ha l’obbligo di consegnare beni conformi al contratto di vendita. In questo caso sarà quindi importante leggere attentamente il contratto e le clausole riferite alla garanzia per verificare che siano compatibili con le disposizioni sulla garanzia legale. Ad esempio, l’Art.129 comma 2 del D.Lgs.206/2005 presume che siano conformi quei beni che sono idonei all’uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo. Se acquisti un’auto che il venditore ti descrive come “non in perfette condizioni” non potrai contestare una vibrazione o un difficoltoso innesto delle marce, ma la rottura del motore si. Altro discorso sarebbe se il concessionario, piuttosto che utilizzare clausole vessatorie simili al vista e piaciuta, informasse l’acquirente su uno specifico difetto dell’auto. Se, ad esempio scrivesse sul contratto “turbina da sostituire”, in caso di rottura del turbo non potresti reclamare l’intervento in garanzia.

      Puoi comunque sottoscrivere la nostra polizza per tutelarti dai gusti. Scegli quella che più ti soddisfa, per attivarla hai 10 giorni dal passaggio di proprietà.

      • Perfetto!grazie per la risposta, sei stato veramente esaustivo.
        dopo aver provato la vettura controllerò bene il contratto.se non riporta che ci sono danni o parti difettose ma riporta solo la clausola vista e piaciuta, l’auto sarà mia e l’assicurazione sarà la vostra.ah, ottima scelta di motore di ricerca, comparite sempre per primi facendo una ricerca per garanzia auto usate! spero abbiate sempre più acquirenti soddisfatti 🙂

  11. Buonasera,
    ho fatto un preventivo per un auto usata e il venditore mi ha detto che ho la garanzia 12 mesi. Quando gli ho chiesto se mi risponde in tutta italia lui mi ha risposto di no che devo portare li l’auto. Quindi se mi si rompe in Sicilia me la devo portare con il carro attrezzi a Vercelli. Ma è legale? se non lo è cosa posso dire al venditore?

    • Ciao Emiliano,
      la Legge prevede che, in caso di difetto di conformità, il consumatore deve presentare un reclamo al venditore chiedendo che venga ripristinata, senza spese, la funzionalità dell’auto. Il consumatore può proporre un rimedio e il venditore è obbligato ad attuarlo salvo proporne uno alternativo a condizione che non arrechi notevoli inconvenienti per il cliente (Art.130 comma 4 C).
      Il successivo comma 5 recita: “Le riparazioni o le sostituzioni devono essere effettuate entro un congruo termine dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore,tenendo conto della natura del bene e dello scopo per il quale il consumatore ha acquistato il bene.”
      Sulla base di questi articoli, se il venditore ti imponesse di spostare l’auto dalla Sicilia a Vercelli dovrebbe farsi carico dei costi e anche della riconsegna.

    • Ciao Pasquale,
      Garanziaonline può essere sottoscritta dal nuovo proprietario di un’auto usata a prescindere se abbia acquistato da privato o da venditore professionista. Nel primo caso è l’unica possibilità di avere una garanzia, nel secondo si aggiunge alla garanzia legale che il venditore è obbligato a riconoscere.

  12. Buongiorno, sono disperata ho acquistato ( finendo tutti i miei risparmi) un auto usata.Il rivenditore mi ha assicurata che andava una bomba e comunque è coperta da garanzia.fatto sta che dopo due giorni dall’acquisto si è accesa spia motore che nonostante i diversi e numerosi interventi da parte dell’assicurazione non si risolvono.la macchina così è da buttare dopo un mese.Posso chiedere al venditore il rimborso totale restituendo la macchina viziata e prendendone un altra??help me!!

    • Ciao Michela,
      Il comma 7 dell’articolo 130 del Codice del Consumo, concede al consumatore la facoltà di richiedere la risoluzione del contratto se le riparazioni di un difetto di conformità sono impossibili o eccessivamente onerose, se il venditore non ha provveduto alla riparazione in tempi congrui o se la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato notevoli inconvenienti al consumatore. Se non sono ancora riusciti a risolvere il problema, puoi contestare un difetto di conformità non sanabile e chiedere la sostituzione o la risoluzione del contratto.

  13. Salve ho preso uno cheroke 8 mesi fa usato … a parte i problemi al momento che l’ho acquistato che mi hanno sistemato ora si e’ rotta la cinghia e il tendicinghia . mi hanno detto che non sn coperta dalla garanzia xche’ sn tt e due colpa dell’usura , e’ vero??? grazie

    • Ciao Gabriella,
      la cinghia è soggetta a manutenzione. Se l’intervento possa o no essere considerato un difetto di conformità dipende dall’anzianità e dalla percorrenza dell’auto perché solo in base a queste informazioni si può stabilire se il guasto sia attribuibile ad una inadempienza del venditore. Se, ad esempio, il programma di manutenzione dell’auto prevedeva la sostituzione della cinghia ad una scadenza antecedente la data e il chilometraggio alla consegna, e il venditore non ti ha fornito specifiche informazioni sulla mancanza di documentazione dei tagliandi, tu potevi ragionevolmente attenderti che fosse stata effettuata regolarmente. Al contrario, se la scadenza dell’intervento è avvenuta mentre eri in possesso dell’auto e non hai provveduto alla manutenzione, la responsabilità è tua. In ultimo, se la scadenza non è ancora stata raggiunta, potresti contestare un usura incompatibile con anzianità e percorrenza dell’auto e quindi non ragionevolmente attendibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *