Come scrivere un reclamo per auto difettosa

Hai acquistato un'auto usata e all'improvviso scopri che qualcosa non va. C'è un difetto inaspettato. Cosa fai? Scrivi una lettera di reclamo, è ovvio. Ecco come fare.

Saper scrivere una lettera di reclamo per auto difettosa può fare la differenza. Quando acquisti un’auto usata speri che tutto vada bene ma devi mettere in conto che possa emergere qualche difetto. La ridotta funzionalità di alcuni componenti è normale.

Quando invece scopri qualche problema, ad esempio un guasto che ti impone spese impreviste e il ricovero dell’auto in officina, scatta istintivo un senso di frustrazione.

Specialmente se la macchina ti era stata presentata in ottimo stato, tagliandata, perfetta, tenuta sempre in garage. Magari ti hanno detto che era di una vecchietta che la usava solo per andare a fare la spesa e pensavi di aver fatto un affare. È in questo momento che ti tornano in mente i discorsi fatti sulla garanzia obbligatoria, sull’usato garantito, sulla legge che tutela i consumatori che acquistano un’auto usata da un concessionario.

Come contestare un difetto in garanzia? Quali sono i tuoi diritti? Che cosa devo scrivere sulla lettera di reclamo? Proviamo a rispondere a queste domande e chiarire se vale la pena di inviare una raccomandata per chiedere che il guasto sia risolto in garanzia.

Cosa dice la legge sulla garanzia

Su tutte le auto usate acquistate da un venditore professionista si applicano le norme del Codice del Consumo che hanno lo scopo di tutelare il consumatore, per un periodo non inferiore a un anno, da qualsiasi difetto possa essere considerato non conforme.

Questo non significa che qualsiasi cosa succeda sia coperto da garanzia, ma che lo siano quei problemi che possano essere riconducibili a difetti già esistenti alla consegna.

In presenza di un difetto di conformità, la legge impone al venditore di eliminarlo e di ripristinare la funzionalità. Per far valere i propri diritti, il consumatore deve inviare un reclamo al venditore denunciando il problema e chiedendone la risoluzione.

HAI DECISO DI ACQUISTARE UN USATO E CERCHI UNA GARANZIA? FAI IL TUO PREVENTIVO IN POCHI SECONDI

A chi inviare la lettera di reclamo

Come avrai capito, è la normativa sulla garanzia legale di conformità quella che tutela maggiormente il consumatore. Questa legge individua nel venditore l’unico responsabile nei confronti dell’acquirente. Quindi se hai riscontrato un difetto sulla tua auto, non perdere tempo a scrivere alla casa costruttrice o alla società che gestisce la garanzia.

Scrivi direttamente al concessionario. Il contratto di vendita lo hai sottoscritto direttamente con lui ed è lui che dovrà farsi carico del tuo reclamo. Sarà il venditore a occuparsi di contattare la casa madre o il fornitore della garanzia che, se vuoi, potrai comunque inserire, per conoscenza, tra i destinatari del tuo reclamo.

Per approfondire: come scegliere assicurazione auto

Quanto tempo hai per inviare la lettera

Hai tempo sessanta giorni dalla scoperta del difetto per formalizzare il reclamo. Non perdere troppo tempo prima di inviare una lettera che attesti con certezza una data nella quale hai provveduto a informare il venditore del problema che hai riscontrato sulla tua auto. Invia preferibilmente una raccomandata o una PEC (Posta Elettronica Certificata).

Come scrivere una lettera di reclamo per auto difettose? Se hai sottoposto il veicolo a un controllo, fatti rilasciare un preventivo di riparazione e allegalo al documento. La data apposta dal meccanico rappresenterà il giorno della scoperta del difetto.

I sessanta giorni di tempo per presentare il reclamo valgono anche oltre i dodici mesi previsti per la garanzia, se potrai dimostrare che il difetto si è manifestato nel periodo di validità. Se superi il termine indicato perderai la possibilità di far valere la garanzia.

Il reclamo è per difetto preesistente?

Una delle condizioni favorevoli al consumatore è quella dell’art. 132 comma 3 del Codice del Consumo. Questo articolo stabilisce che i difetti scoperti entro i primi 6 mesi dalla consegna, salvo prova contraria, fossero già presenti a quella data.

Hai avuto un guasto entro questo termine? Vuoi e devi creare una buona lettera di reclamo per auto difettosa? Dovrà essere il venditore, per escludere la riparazione in garanzia, a dover provare che non si tratti di un difetto già esistente.

Il tuo caso rientra in questo periodo? Quando scrivi la lettera di reclamo, non dimenticare di richiamare questo articolo. Sottolineando che, non essendo trascorsi 6 mesi dalla consegna, il difetto era presumibilmente già esistente prima che l’auto diventasse tua.

Cosa scrivere sulla lettera di reclamo

Un altro elemento importante della garanzia legale è quello riportato dall’articolo 130 comma 9 che definisce diritti e doveri nella scelta del rimedio al difetto di conformità.

Quando scrivi la lettera di reclamo per il difetto sull’auto usata, ricorda di proporre una soluzione gradita. Ad esempio allegando il preventivo di riparazione del tuo meccanico.

Il venditore, in applicazione del comma a) dello stesso articolo, in presenza della tua richiesta sarà obbligato ad attuarla. Salvo proporti un rimedio alternativo che tu avrai facoltà di accettare. Questo è importante per scrivere una lettera di reclamo per auto difettosa.

A questo proposito ci si deve comunque rapportare anche con il comma 3 che concede al consumatore la scelta del rimedio a condizione che lo stesso non sia eccessivamente oneroso per il venditore o impossibile da attuare. Per approfondire puoi leggere:

Obiettivo ultimo della lettera

Nel determinare quale soluzione proporre al venditore cerca di essere pratico. Lo scopo che devi raggiungere è ripristinare la funzionalità dell’auto, non di migliorarla.

Se presenterai un preventivo troppo elevato il venditore ti chiederà di effettuare la riparazione presso la sua officina. E di utilizzare ricambi compatibili o rigenerati. Al contrario, se la tua richiesta sarà equilibrata, è probabile che sia accolta.

Come posso chiedere un rimborso?

La tua auto ha avuto un problema. L’hai portata dal tuo meccanico che ha risolto in pochi giorni. Hai pagato il conto e ora vuoi scrivere una lettera di reclamo per chiedere rimborso.

Puoi provare ma facendo riparare l’auto senza dare la possibilità al venditore di analizzare il guasto, e proporti un rimedio alternativo, non hai rispettato le disposizioni della normativa. Rischi di vedere respinta, a ragione, la tua richiesta.

Tu hai diritto di proporre un rimedio ma devi concedere al venditore quello di verificare se il problema rientri tra quelli riconosciuti in garanzia e anche di attuare la soluzione meno onerosa. Se è lui a dover pagare, è anche giusto che possa decidere.

Posso chiedere la risoluzione del contratto?

Tra le  richieste che puoi inserire nella tua lettera di reclamo per un’auto difettosa c’è la restituzione di parte dei soldi. Oppure la risoluzione del contratto (art.130 comma 7). Questo tipo di richiesta puoi inserirla nella lettera di reclamo quando il difetto riscontrato sia impossibile da eliminare. O quando non sia stato risolto malgrado numerosi tentativi.

Se il problema pregiudica il buon funzionamento dell’auto, l’unica richiesta possibile sarà quella della risoluzione. Se è di minore entità potrai chiedere un’adeguata riduzione del prezzo in relazione al minor valore dell’auto causata dal difetto emerso dopo l’acquisto.

Da leggere: cos’è la clausola vista e piaciuta per le auto

A chi rivolgersi per scrivere la lettera di reclamo

Seguendo i miei consigli puoi scrivere da solo una lettera di reclamo per chiedere la risoluzione del problema. Questo in applicazione della garanzia legale di conformità.

Solo in mancanza di una risposta, o nel caso ritenessi che il riscontro avuto non sia adeguato, potrai rivolgerti ad un avvocato. O a un’associazione di difesa consumatori.

Vuoi scrivere una lettera di reclamo per auto difettosa? Prima di scegliere a chi affidarti accertati che abbia padronanza dei diritti sanciti dal D. Lgs 206/2005 sulla garanzia legale di conformità. Può capitare che lo studio legale imposti la richiesta facendo riferimento agli articoli del Codice Civile sui vizi occulti che però non offrono le stesse tutele.

HAI DECISO DI ACQUISTARE UN USATO E CERCHI UNA GARANZIA? FAI IL TUO PREVENTIVO IN POCHI SECONDI

La tua lettera di reclamo per auto difettosa

Hai già scritto la lettera di reclamo per auto difettosa? Hai ancora qualche dubbio su come stenderla e quali punti mettere in evidenza per ottenere il miglior risultato possibile? Inserisci il tuo caso nei commenti, proverò ad aiutarti nel miglior modo possibile.

About the Author

Andrea De Sanctis

Lavoro da più di 10 anni nel settore delle Garanzie auto ma mi sento ancora un ospite nel mercato Automotive. Ho fondato GaranziaOnline.it. con l'intento di offrire soluzioni direttamente al cliente finale, senza intermediazioni, libero dalle dinamiche tipiche del settore. "Le persone acquistano vantaggi!" è il mio mantra.

36 Comments

  1. Buongiorno,
    ho acquistato una Chevrolet Aveo da un rivenditore di auto usate circa 3 settimane fa e ieri si è rotta la frizione. La garanzia aggiuntiva non copre questo guasto. Posso avvalermi della garanzia legale da parte del rivenditore? Come devo procedere?
    Grazie per la risposta

    • Ciao Laura,
      il guasto alla frizione è uno di quelli difficili da far passare in garanzia perché il venditore può facilmente attribuirne la causa all’uso. Una manovra difficoltosa, una retromarcia in salita, il piede appoggiato perennemente sul pedale, sono solo alcune dei motivi che possono causare un problema alla frizione. Prova comunque a inviare un reclamo al venditore sottolineando che l’auto l’hai ritirata da tre settimane. Magari trovi il venditore che ha cura del cliente e ti propone una soluzione.

  2. uongiorno.. caso particolare.. Ieri 7/6/18 ‘auto del 2008 audi A5 coupe 2700 D vista su subito con annuncio 8.900 euro il rivenditore professionale (Rumeno zona Ravenna) Km 205 mila dopo averla fatta provare fa firmare stato d’uso dove indica tutti i componenti “E” Non funzionante e necessaria sostituzione.
    Nell’annuncio ottime foto e recensione viene descritta auto ottima con km certificati, carrozzeria senza un graffio, in effetti l’auto si presenta in buonissimo stato e la prova su strada non manifesta diffetti meccanici pagamento viene indicato a 5000 euro 5 mila pagati contanti al ritiro e un bonifico da 3300 euro . Il mezzo arriva a bologna motore impazzito fuma come ciminiera da esame meccanico risulta manomesso.
    Blocco bonifico e comunico con telegramma rottura motore.
    Venditore annuncia denuncia per blocco saldo dicendo che stato d’uso è contratto invocando vendita di rottame a 5000 euro paventa denuncia e ritiro mezzo se non avviene subito saldo con nuovo bonifico. cosa Fare?
    Nello stato d’uso viene indicato il pagamento di 1700 più bonifico di 3300 che è stato bloccato , omessi i contanti fino a a 8900. valore auto sul mercato 11 mila, annuncio fuorviante o truffa, da portale automobilista risultano Km scalati, no libretto manutenzione, passaggio fatto ieri al pra.
    domanda lo stato d’uso costituice contratto d’acquisto perchè firmato dalle parti? L’indicazione di tutti i componenti “E” pessimo esclude la prevista garanzia legale 12 mesi?
    Cosa Fare?
    Grazie per consiglio Max

    • Ciao Max,
      se hai firmato un documento sul quale c’è scritto che stai acquistando un mezzo con evidenti problemi e non funzionante, non potrai richiedere una non conformità del veicolo in quanto il venditore sosterrà di averti informato correttamente e il tuo acquisto è stato consapevole dei difetti del veicolo. Quindi per far valere i tuoi diritti dovrai, prima di tutto, sostenere che quel foglio ti è stato sottoposto alla firma con il solo scopo di eludere la legge sperando che il giudice lo ritenga nullo. Di certo ti consiglio di rivolgerti ad un avvocato. Se hai salvato l’annuncio potrebbe tornarti utile. Considerate le circostanze non credo lui abbia interesse a denunciarti e andare di fronte a un giudice.

  3. buongiorno in data 6 aprile 2018 ho acquistato una fiat grande punto da un concessionario di montevarchi.preciso che l’auto era mancante dei libretto di uso e manutenzione che il concessionario ha motivato con il trasloco che stava attuando in quel momento e che mi avrebbe inviato tutta la documentazione al più presto…
    fin dai primi giorni riscontravo che nell’auto si accendeva una spia di anomalia luci ed il condizionatore non raffreddava, quindi mi recavo presso il mio meccanico di fiducia il quale ricaricava il condizionatore con tracciante per poter verificare se ci fosse un’incrinatura nel serbatoio cosa che infatti si è verificata. a quel punto scrivevo al concessionario (dopo innumerevoli telefonate inutili in cui egli si diceva disponibile a far fede alla garanzia e di inviargli un preventivo)inviando il preventivo del io meccanico che io ritengo persona affidabile ed onesta ma il venditore pretende che io mi rechi a montevarchi dove lui provvederà alla sostituzione. non è che io sia contraria, però però gli ho chesto di dichiararmi in quale officina verrà riparata l’auto e con quali pezzi di ricambi. questo perchè lui si è dimostrato inaffidabile infatti i libretti e la tesserina chiavi non sono ancora in mio possesso e non vorrei perdere una giornata e non risolvere nulla. le chiedo consiglio e come scrivere una lettera di reclamo che sia il più chiara possibile. ringrazio per la disponibilità e mi scuso per la lunghezza messaggio. alessandra

    • Buongiorno Alessandra,
      dovere del venditore, in presenza di un difetto di conformità, è ripristinare la funzionalità dell’auto. È un suo diritto però scegliere le modalità di riparazione a condizione che queste non rechino particolari inconvenienti al consumatore. Nel caso di un’auto usata il ripristino può essere effettuato anche attraverso l’utilizzo di ricambi rigenerati o usati.
      Qui trovi un modello di reclamo che puoi utilizzare.

  4. Buongiorno, in data 17 luglio 2018 ho acquistato una Renault Clio del 2003 con 174mila km da un rivenditore, inizialmente sembrava tutto in ordine (anche perchè non sono esperto nel valutare le condizioni del motore ecc), ma 9 giorni dopo, il 26 luglio l’auto ha iniziato a perdere potenza mentre guidavo, ho dovuto quindi poco metri dopo parcheggiare l’auto da cui usciva gran fumo e l’acqua nella vaschetta bolliva, un amico meccanico mi ha detto che molto probabilmente la testa del motore si è fusa. ho contattato il rivenditore perchè un danno di quel tipo non si fa dopo una settimana e 50 km di utilizzo, ma sembra non voglia far valere il diritto di garanzia. “Non ti piaceva più la macchina, avresti potuto tirare il freno a mano e fare 100 metri” sarebbe una delle giustificazioni per far valere la sua tesi. Come posso procedere? cosa posso scrivere in una raccomandata con ricevuta di ritorno da recapitare alla ditta?
    Preciso che non è stato firmato alcun contratto con il rivenditore e la garanzia di un anno mi è stata riferita a voce.
    Può aiutarmi?
    Grazie per un’eventuale risposta,
    Francesco.

    • Buongiorno Francesco,
      qualsiasi acquisto effettuato presso un venditore professionista è tutelato dalla garanzia legale di conformità. Non serve che ti venga consegnato alcun documento. La legge prevede che il venditore debba ripristinare la funzionalità dell’auto qualora si manifesti un difetto che renda il bene non idoneo all’uso, o non conforme alla descrizione fatta dal venditore, o non ragionevolmente attendibile. All’articolo 132 comma 3, inoltre, stabilisce che, salvo prova contraria, i difetti che si manifestano entro sei mesi dalla consegna fossero già presenti. nel tuo caso mi sembra siamo di fronte a un chiaro difetto di conformità di cui il venditore si debba far carico a meno che non sia in grado di dimostrare che il danno è stato provocato da te. Per scrivere la raccomandata puoi prendere ad esempio questo fac-simile.

  5. Buongiorno circa 20 giorni fa ho ACQUISTATO UNA FORD FOCUS. ALL ATTO DELL ACQUISTO GIA METTENDOLA IN MOTO VENIVA UN RUMORE DAL MOTORE. IL RIVENDITORE HA GIUSTIFICATO DICENDO CHE ERA DOVUTO AL FATTO CHE L AUTO ERA STATA FERMA MA CHE CON LO STARE IN MOTO SI SAREBBE RISOLTO. HO ACQUISTATO L AUTO 3000 EURO CON FINANAZIAMENTO. MA QUESTO RUMORE PERSISTE E SEMPRE PIU FORTE. SONO ANDATO DAL MECCANICO E DICE CHE E’ UN PROBLEMA ALL ALBERO AC CAMME E BISOGNA SMONTARE LA TESTATA .NON PUO FARE UN PREVENTIVO FINCHE NON SMONTA IL TUTTO. COMUNQUE MI HA ASSICURATO CHE DA UN MOMENTO ALL ALTRO L AUTO MI LASCERA A PIEDI. RIENTRA QUESTO NELLA GARANZIA ? COME DEVO COMPORTARMI ?

    • Ciao Luana,
      puoi avvalerti della garanzia legale di conformità iniando al venditore una raccomandata nella quale descrivi il difetto e chiedi che venga ripristinata la funzionalità dell’auto in applicazione degli articoli 128 e successivi del Codice del Consumo. Ti consiglio la lettura di quest’altro articolo che spiega come funziona la garanzia sull’auto usata.

  6. Salve, ho acquistato una auto usata di 11 anni da un concessionario. Dopo 15 giorni e 279 km percorsi, si accende la spia airbag e il computer di bordo mi segnala un anomalia. Inoltre si sente uno strano rumore proveniente dal vano motore. Il retrovisore interno di stacca sempre… Posso rivalermi dal concessionario, ovvero posso richiedere il ripristino della vettura senza dover spendere io ulteriori soldi? Possono essere considerati vizi occulti? Grazie. Faccio presente che ho anche stipulato una polizza assicurativa di garanzia aggiuntiva con Mapfre, terza all’assicurazione che copre però solo cambio e motore.

    • Ciao Massimo,
      se hai acquistato da un venditore professionista potrai far valere la garanzia legale di conformità che impone al concessionario l’obbligo di ripristinare tutti i difetti non compatibili con il contratto. Il Codice del Consumo prevede che i difetti che si manifestano entro sei mesi dalla consegna, salvo prova contraria, fossero già esistenti (art.132 c.3) e che debbano essere ripristinati senza spese per il consumatore.

  7. Salve Andrea,
    ti disturbo in merito all’acquisto di un veicolo usato a fine marzo 2018, da rivenditore professionale con garanzia concordata di un anno, il quale a inizio settembre 2018 e dopo meno di 2500 km ha visto il malfunzionamento dell’apertura/chiusura della tendina del tetto panoramico che non sembra essere rientrata correttamente nelle guide causandone il blocco del comando (se premuto, riceve l’impulso ma non fa scorrere la tenda).
    Ho scritto una PEC all’amministratore dell’autosalone per comunicare l’accaduto e per mettermi a sua disposizione per le verifiche necessarie per il ripristino in garanzia.
    Il guasto, considerata la segnalazione entro sei mesi dall’acquisto oltre al fatto che la tenda del tettuccio è stata fatta scorrere sì e no 3 volte, merita di poter essere coperto dalla garanzia?
    Grazie per le info e l’eventuale risposta che potrai darmi…
    Lorenzo

    • Ciao Lorenzo,
      L’articolo 132 comma 2 del Codice del Consumo stabilisce che salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro sei mesi dalla consegna esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformità. I guasti a componenti elettrici/elettronici potrebbero rientrare in quest’ultima definizione in quanto attribuibili non a un difetto già esistente ma più semplicemente ad un improvviso e accidentale malfunzionamento compatibile con la natura del componente. Se invece il difetto riguarda le guide di scorrimento o l’allineamento del tettuccio si può configurare un difetto di conformità.

  8. Buonasera,
    ho acquistato un’auto nuova per mio figlio dal concessionario Fiat Galdieri di Salerno in data 24/11/2017 un Fiat Panda equipaggiata con ausili di guida per disabili (acceleratore, freno e centralina per comandi vocali). Negli ultimi due mesi l’auto non è partita per blocca centralina con segnalazione di errore cambio insieme ad altri messaggi disparati.
    Ho attivato l’assistenza Fiat tramite il numero verde per far trasportare con il carro attrezzi l’auto presso la concessionaria. La concessionaria mi ha riconsegnato l’auto dicendomi che non riescono ad individuare il problema. Intanto mio figlio disabile rischia di restare per strada nuovamente per lo stesso problema. Che tipo di azione mi consiglia di effettuare e sulla base di quale garanzia (di conformità ovvero di mancata riparazione). In estrema rato potrei richiedere la risoluzione del contratto per mancata riparazione del veicolo? grazie anticipatamente.

    • Ciao Luigi,
      se il problema non è stato risolto non è stata ripristinata la conformità dell’auto. Il Codice del Consumo, all’articolo 129 comma 2d, tra l’altro, stabilisce che il bene debba essere idoneo all’uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbia accettato per fatti concludenti. Qualora non sia stata ripristinata la conformità il consumatore può richiedere la risoluzione in applicazione dell’articolo 130 comma 7.

  9. salve.
    ho acquistato a febbraio a bologna in una concessionaria nissan una qashqai 1.6 con cambio cvt nuova.la macchina gia al ritiro viene consegnata con un problema ..la macchina adai 70 kmh in su strappa…ha dei vuoti..tanto da rendere la guida fastidiosa anche per chi non è alla guida..viene segnalato il problema alla concessionaria subito i giorni successivi del ritiro tanto da avere il primo ingresso in concessionaria con nemmeno 600 km all’attivo…da qui inizia il calvario…la vettura entra ed esce ripetutamente dall’officina nissan per ben 6 volte in sei mesi con ripetute prove verifiche del problema aggiornamenti delle centraline modifiche dei parametri e ripetute foto per verificare con nissan italia i pezzi se danneggiati o difettosi…in nessun caso l’auto viene riparata nessun pezzo viene sostituito e nessuncontatto da parte di nissan italia per rincuorarmi che stiano lavorando al caso in tempi celeri…io ora mi trovo a 15000 km con una vettura che non va bene e la concessionaria che dice che attende i responsi della casa madre ma senza soluzioni ora non so piu’ che fare per difendere i miei diritti…al momento dell’acquisto ho anche esteso la garanzia da 3 anni a 5 anni

    • Ciao Andrea,
      la Legge individua nel venditore l’unico responsabile della conformità del bene. Se la tua auto non è ancora stata sistemata puoi scrivere un reclamo e chiedere una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto in applicazione dell’articolo 130 comma 7 del Codice del Consumo.

  10. Salve ho acquistato la moto Benelli leoncino Poiché l’ho ritenuta migliore rispetto alle altre motociclette presenti oggi sul mercato da me ritenuta meno efficiente rispetto alla volta devo però rappresentarli il mio forte disappunto dove l’incresciosa situazione venutasi a creare al momento della consegna della motocicletta Infatti dopo averla pagata mi sono recato presso la concessionaria che legge la presente per conoscenza per ritirarla ma subito si è riscontrato il suo cattivo funzionamento la motocicletta presentava infatti una forte vibrazione spegnendosi a motociclette veniva presa in consegna dalla concessionaria con la seguente descrizione moto in accettazione anomalia al motore km 0 ad oggi non vi nascondo che per quanto successo ne sono molto dispiaciuto e vorrei che la questione si possa risolvere nel più breve tempo possibile anche in considerazione del fatto che ad oggi non ho potuto utilizzare la motocicletta che ho scelto è pagato sono trascorsi 12 giorni con Vito nel vostro immediato intervento nella speranza di poter usufruire sempre vostri servizi

    • Ciao Salvatore,
      mi sembra di capire che il concessionario abbia già preso in carico il problema per cercare di risolverlo. Facci sapere come va a finire.

  11. Buonasera, ho bisogno di un consiglio: mio padre nel 2011 ha acquistato un Quashqai 1600 bifuel; attualmente l’autovettura ha 53.000 km ed è stato diagnosticato un problema alle valvole che sono da rifare per un importo di € 2.500. Contattato il funzionario vendite Nissan ha consigliato mio padre di scrivere una lettera alla Nissan in quanto questo problema si è verificato in altre vetture di questo modello. Come mi consiglia di agire? Grazie mille per l’attenzione

    • Ciao Federica,
      essendo ormai ampiamente decorsi i termini per l’applicazione delle norme sulla Garanzia, ti consigli di seguire le indicazioni del funzionario Nissan.

  12. Ciao Andrea,
    ho acquistato un’auto usata del 2008 da un meccanico-riparatore. l auto, oltre al fatto che aveva un impianto gpl nuovo ma non revisionato ed ho quindi dovuto provvedere a tornare nella città d acquisto per la revisione dello stesso, ha da subito presentato difetti quali: aria condizionata scarica, spia motore accesa, comando apertura a distanza non funzionante, segno sul vetro anteriore, spia ricarica gas non funzionante, il minimo “balla”‘quando l auto è ferma, …
    Ho fatto presente DA SUBITO (ovvero a 2 km di distanza dopo l acquisto) la maggior parte di queste problematiche e, pur avendo riportato l auto per la revisione dell impianto, nulla è stato sistemato da parte del venditore e pare non ci sia alcuna intenzione di farlo poiché, dicono, “la garanzia non copre questo tipo di problematiche”.
    Posso ricorrere alla lettera di reclamo ed ad eventuali avvocato?
    Grazie mille!! gloria

    • Ciao Gloria,
      buona parte dei difetti che lamenti (segno sul vetro, comando apertura ecc.) possono essere considerati facilmente individuabili e quindi non rappresentano una non conformità. Puoi contestare la mancata revisione dell’impianto e i problemi al motore.

  13. Buongiorno,
    Ho acquistato un auto nuova kia a gpl immatricolata il 19/09 ritirata il 22/09. In data 2/10 l’auto veniva riportata al concessionario in quanto singhiozzava durante la marcia sia a benzina che a gpl. Riprendevo la mia auto il 5/10 dopo la sostituzione di 2 bobine. Dopo il ritiro lungo il tragitto per casa, si ripresenta il problema, richiamo il concessionario che mi dice che probabilmente era la strada (non so cosa volesse dire o probabilmente non sapeva che dire). Più abbiamo provato ad utilizzarla più il problema si accentuava. L’auto è stata riportata dopo vari reclami telefonici al concessionario il 18/10 e ancora è li. Oggi sono stata contattata dal concessionario che mi ha detto che il problema non è stato risolto, loro non sanno fare, nel frattempo kia ha scritto al concessionario dicendo di riconsegnarmi L’auto in quanto marciante. La kia nel frattempo sta esaminando il problema. Come ci si deve comportare? Devo farmi supportare da un avvocato per scrivere una lettera entro i 60 giorni?

    • Ciao Federica,
      se non risolvono il problema puoi chiedere la sostituzione o una riduzione del prezzo o anche la rescissione del contratto. Ricorda di rivolgerti sempre al venditore e non a Kia. La Garanzia Legale è un obbligo di chi ti ha venduto l’auto.

  14. In data 18-10-2018 ho acquistato una bmw 525d touring da un concessionario, dando in permuta la mia Fiat 500 abarth con differenza da parte mia pari a €1800 compreso passaggio, appena mi sono messo in viaggio per tornare a casa, ho avuto vari problemi con la vettura come: *sensore pneumatici segnalava foratura.
    *tappo gasolio non si apre.
    *segnalazione temperatura troppo alta acqua in abolizione.
    *segnalazione la batteria si scarica eccessivamente.
    *pasticche freni anteriori e posteriori a ferro.
    * n.12 guasti in diagnosi di varie entità pendenti con pezzi da cambiare molto costosi.
    Inoltre ho scoperto che il valore del mezzo é di molto inferiore di quello che gli ho dato indietro, pertanto gli ho scritto al venditore con raccomandata A\R che mi venga annullato il contratto per la non conformità, chiedendo che mi sia restituita la mia Fiat 500 abarth, oppure mi venga data una vettura pari al valore del mezzo da me acquistato esente da vizi occulti, oppure mi venga una vettura data di valore inferiore ma con differenza per compensazione.

    Visto che non risponde, mi rimane da fargli causa con un avvocato giusto?
    Posso denunciarlo per truffa? Visto che mi ha dato una vettura di valore inferiore di €3000 più i danni, facendomi una fattura di €4000 su di una vettura che vale €10000?

    • Ciao Cristian,
      un conto è denunciare una non conformità e chiedere la rescissione del contratto, un altro è una querela per truffa. Il tuo avvocato potrà indicarti meglio di me quale sia la strada migliore per raggiungere il risultato.

  15. salve, ho acquistato un auto usata da un rivenditore, dopo 5 mesi la macchina ha rotto il motore, chiedo a voi come posso muovermi col discorso garanzia ecc., in quanto il rivenditore nn intende contribuire al pagamento

  16. Ho acquistato una golf tgi da un concessionario 80000 km del 11/2016 appena la provo gli faccio presente che la frizione stacca in alto e lui mi dice che probabilmente chi l aveva prima teneva il piede sopra la frizione decido di acquistare l auto quando mi mandano la fotocopia del libretto mi accorgo che quella auto è intestata ad un autoscuola lui mi dice che lo fanno perché hanno sgravi fiscali ma l auto non è mai stata usata per l autoscuola….. Purtroppo la concessionaria è a 200 km da casa mia appena porto a casa la macchina mi sdraio e scopro che ci sono i doppi comandi hanno smontato i pedali ma non tutto l impianto posso chiedere i danni per avermi nascosto questa situazione? e ovviamente la frizione che stacca in alto è data dalle tante sfrizionate di autisti alle prime armi….. Oltretutto non mi hanno ancora spedito il libretto ed ho il permesso scaduto il passaggio è stato eseguito il 23 novembre, grazie

    • Ciao Stefano,
      puoi contestare una non conformità dell’auto e chiedere la sostituzione o un’adeguata riduzione del prezzo sulla base dell’articolo 129 comma 2 del Codice del Consumo.

  17. Salve, ho acquistato un furgone usato (immatricolata nel 2009) il 20 di novembre 2018 con impianto a metano da casa costruttiva.
    Ho notato subito durante il viaggio di ritorno verso casa un odore di perdita di gas più il livello di raffreddamento che andava giù mandando in anomalia il blocco di metano.
    Ho fatto circa 800 km in autostrada solo in bezina.
    Ho contattato il venditore spiegando il guasto, sembrava disponibile dicendomi di andare a vedere da un tecnico di mio fiducia ( li sembrava strano il fatto perche il furgone appena passata la revisione per 4 anni con tutti lavori fatti a d’opera d’arte)
    Dopo la diagnosi la spesa per riparare e di 400 euro è il venditore non e più disponibile per telefono ( sempre la segreteria telefonica.)
    Il tecnico dopo aver visto un tubo rotto dell’impianto metano ( pericoloso in quanto passano 10 bar e per di più aveva in torno il nastro isolante per fermare la perdita, mi ha subito chiesto di fargli la denuncia.
    Il furgone mi serve per lavoro e purtroppo sarò costretto a mettere a posto perche il tecnico ha detto che non puoi più viaggiare ( rischio esplosione)
    E chiaro che perderò la garanzia di rimborso ma non posso aspettare prima che lui mi risponda per raccomandata considerando i tempi lunghi di due tre settimane per me una perdita enorme mancando servizi al lavoro.
    Chiedo gentilmente consigli.

    Riguarda la denuncia dai carabinieri la persona in qui a fatto la revisione del metano avrà delle conseguenze oppure la passa liscio e andrà avanti a fregare altra gente?
    Se non mi aspetta nessun tipo di rimborso almeno cerco di aiutare con questa denuncia altre persone oltre al commento negativo che lascerò su autoscount in quanto un venditore con un parco veicolare per più di 50 macchine in vendita sui vari siti.

    Scusatemi se mi sono alungato nel commento e grazie per i consigli.
    Saluti.

    • Ciao Alban,
      prima di tutto approfitto del tuo commento per ricordare che la garanzia legale di conformità non si applica se si fa un uso professionale del bene. Se hai intestato il furgone a una ragione sociale o comunque se lo usi per lo svolgimento della tua attività professionale non puoi avvalerti delle tutele del Codice del Consumo. Riguardo l’opportunità di una denuncia, dovresti poter dimostrare che il tubo fosse già rotto alla data della revisione, cosa che reputo difficile da documentare.

  18. Ho acquistato una nuova Subaru XV 2.0 benzina all’inizio di quest’anno che da subito ha avuto dei problemi di “singhiozzo/seghettamento” in fase di accelerazione (è un difetto noto in molti forum oltreoceano), ma che Subaru Italia nonostante molti email da parte mia non vuole riconoscere ne sanare con una proposta di risarcimento.

    Vorrei intraprendere adesso le vie legali. Posso inviare una lettera di diffida e poi procedere eventualmente qualora non andasse a buon fine con un giudice di pace? O ci sono altre soluzioni? Cosa mi consigliate di fare?

    Grazie per un vostro cortese riscontro.

    • Ciao Max,
      puoi contestare un difetto di conformità in applicazione degli articoli 128 e successivi del D.Lgs 206/2005. Ricorda che l’unico responsabile individuato dalla normativa è il venditore/concessionario che ti ha venduto l’auto e non Subaru Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *