Skip to main content
Amministrazione Auto

Auto intestata a defunto: come fare il passaggio di proprietà?

passaggio di proprietà auto di un defunto

Il passaggio di proprietà auto di un defunto si fa nel momento in cui la vettura è intestata a una persona che non c’è più. Bisogna procedere con la successione a favore degli eredi per non tenerla bloccata.


Se una persona cara viene a mancare devi gestire, nonostante il dolore della perdita, una serie di incombenze burocratiche. Tra queste abbiamo la successione dell’automobile appartenuta al defunto. Bisogna procedere con il passaggio di proprietà auto per consentire agli eredi di utilizzare la vettura. Magari la vuoi vendere oppure la utilizzi personalmente se sei l’unico erede.

In ogni caso non può rimanere ferma e intestata alla persona che non c’è più. Si tratta di un obbligo legale, il passaggio di proprietà auto per decesso deve essere gestito seguendo un iter ben preciso: accettazione dell’eredità, comunicazione al PRA e alla motorizzazione civile la decisione di cambiare intestazione, presentazione dei documenti all’ACI. Ecco un approfondimento specifico.

I documenti necessari per procedere

Per gestire il trasferimento auto del defunto devi preparare una serie di documenti che precedono il passaggio di proprietà della vettura appartenuta alla persona cara che non c’è più. Anche chi si rivolge a un’agenzia di pratiche auto, seguito da un professionista del settore, deve preparare:

  • Atto di accettazione dell’eredità firmato e autenticato.
  • Copia del documento di identità del proprietario attuale.
  • Certificato di proprietà della vettura in questione.
  • Carta di circolazione o documento unico di circolazione.
  • Modello NP3B compilato con i dati anagrafici del defunto.
  • Modulo TT2119 per la richiesta del passaggio di proprietà.

Questi sono i documenti necessari per attivare il passaggio di proprietà auto dal proprietario deceduto. Ricorda che se vuoi fare questa pratica e non sei l’erede della vettura devi avere anche il modello TT2120. Puoi scaricare questi documenti dal Portale dell’Automobilista in formato PDF modificabile.

Da leggere: come avviare una visura auto

Tempi per fare la successione auto del defunto

Nel momento in cui hai accettato l’eredità dell’auto, hai 60 giorni per effettuare il passaggio di proprietà. Se si superano i 2 mesi dal momento in cui hai dato il consenso per ereditare la vettura, e non dal trapasso della persona cara, devi pagare una penale pari al 30% dell’imposta provinciale dovuta. Ricorda che non è possibile circolare con un auto intestata a persona morta.

Iter per passaggio di proprietà auto del defunto

Abbiamo già indicato, in sintesi, i passaggi per fare il passaggio di proprietà di una vettura che apparteneva a una persona defunta. E che è stata passata a te. Per procedere bisogna seguire questo iter che è piuttosto semplice. Ma prevede il rispetto di una serie di snodi importanti:

  • Firma l’atto di accettazione dell’eredità.
  • Mandalo al PRA tramite ACI entro 60 giorni.
  • Ottieni il certificato di proprietà aggiornato.
  • Aggiorna carta di circolazione con la Motorizzazione Civile.

Il secondo passaggio può essere effettuato attraverso il servizio ACI dello Sportello Telematico dell’Automobilista (STA), da questa schermata puoi trovare anche gli uffici con sede pubblica e fisica se preferisci recarti di persona e parlare con un operatore. Altrimenti puoi sfruttare i servizi online che si occupano di trasferimenti di proprietà e atti di accettazione di eredità per le auto.

GaranziaOnline Assicura la tua Auto su Guasti Imprevisti

Una volta effettuato il passaggio di proprietà è possibile vendere l’auto del defunto se non si vuole avere l’onere di mantenerla. Se l’automobile ha più eredi, il ricavato verrà diviso in base alle quote.

Sanzioni per guida senza passaggio di proprietà

È vietato viaggiare con un’auto di una persona deceduta senza passaggio. Ci sono due sanzioni amministrative che attendono chi è sorpreso alla guida di vetture con proprietà un defunto.

La prima riguarda il fatto che non si è rispettato il termine dei 60 giorni per l’aggiornamento della carta di circolazione e del certificato di proprietà. Questa sanzione oscilla da 705 a 3.526 euro. Poi c’è la multa per il fatto stesso che i documenti non sono stati aggiornati (e non per il ritardo): da 353 euro a 1.762 euro con ritiro della carta di circolazione. In sintesi, meglio evitare.

Passaggio proprietà auto defunto con più eredi

In questo caso si aggiunge un ulteriore passaggio: dopo aver registrato l’atto di accettazione di eredità che intesta la vettura a tutti gli eredi, si definisce anche l’atto di vendita delle quote ereditarie a favore del singolo soggetto che diventa così l’unico proprietario. E si procede con gli altri punti.

Poi il passaggio di proprietà in caso di morte ha un prezzo e per conoscere gli importi puoi dare uno sguardo a questo articolo che ti spiega quali sono i costi per il passaggio di proprietà auto.

Riccardo Esposito

Webwriter freelance, formatore, blogger per My Social Web. Mi occupo di scrittura online, aiuto imprese e liberi professionisti a organizzare strategie di blogging. Ho scritto due libri sulla scrittura online per Flaccovio Editore.

Lascia un commento