Revisione auto 2017: tutte le novità

Giro di vite per la revisione auto 2017, più competenze per i meccanici e maggiori responsabilità per chi guida. Ecco come devi muoverti per fare la revisione della tua fedele automobile.

La revisione auto 2017 è fondamentale per la tua auto. Un’auto che è come una figlia e la coccoli a dovere, cambiandole gli pneumatici e l’olio. E poi stai attento alla sua salute. Vai dal meccanico per una visita di controllo per assicurarti che funzioni a regola d’arte. La revisione periodica della tua auto è un dovere civile per il guidatore. Ma non solo.

In fase di revisione, i meccanici delle officine autorizzate sono tenuti a verificare che sia tutto in ordine nel tuo veicolo. Per prenotare la tua revisione auto 2017 ti basta prendere un appuntamento presso l’ACI (Automobile Club d’Italia) e le officine autorizzate per confermare i passaggi della nuova direttiva UE n. 2014/45. Di cosa si tratta?

Cosa devi sapere sulla revisione nel 2018

Non cambia nulla riguardo le tempistiche, le regole sono sempre le stesse: la prima revisione auto va effettuata entro 4 anni dalla data di rilascio della carta di circolazione. Successivamente, va rinnovata ogni 2 anni. Questa norma vale anche per le moto.

Il discorso cambia invece per i mezzi addetti al trasporto pubblico, camion con peso superiore a 3,5 tonnellate e i veicoli atipici in generale: in questo caso la revisione auto va fatta ogni anno.  Decisivo per la revisione auto 2017 è il passaggio sulla formazione dei meccanici. La direttiva 2014/45/UE parla chiaro:

Gli standard elevati dei controlli tecnici richiedono che il personale che effettua i controlli possieda un livello elevato di capacità e di competenze.

Prima la manutenzione dei veicoli era piuttosto libera, per molti guidatori e officine era facile trovare scappatoie. Quindi controlli più rigidi e obbligo di formazione per le officine autorizzate sono il sistema per rimettere le cose in ordine.

Certificato revisione auto e chilometraggio

Una volta usciti dall’officina il proprietario del veicolo si fa garante del corretto funzionamento della macchina in tutte le sue componenti. Quindi se da un lato c’è l’obbligo di formazione del personale e il conseguente adeguamento delle officine, dall’altro c’è il guidatore che rischia in prima persona e garantisce per il proprio veicolo.

Questo serve a scoraggiare pratiche scorrette in fase di revisione auto, ma sarà anche fondamentale nel determinare le responsabilità in caso di incidente o danni.

revisione auto 2017 costi manutenzione

Inizialmente la nuova legge prevedeva anche il controllo del bollo auto tra le modifiche per la revisione auto 2017. La variazione normativa è stata presentata nell’emendamento del parlamentare Francesco Ribaudo (PD), ma è stata bocciata durante la discussione della legge di bilancio 2017. In caso contrario le officine avrebbero dovuto controllare anche l’effettivo pagamento del bollo. In caso di inadempienza sarebbe stato d’obbligo impedire la messa in strada del veicolo, fino a pagamento avvenuto.

Novità sui costi della revisione?

Vuoi sapere i costi della revisione auto e speri non siano un duro colpo per il tuo portafogli. Ti dico subito che non ci sono novità dal punto di vista delle spese. Per poter fare la revisione auto 2017 dovrai sborsare 65,68 euro. Il costo è composto da diverse voci:

  • Tariffa obbligatoria (45 euro) + 22% IVA (9,90 euro).
  • Diritti pratiche automobilistiche c.c. 9001 -esente IVA ex art. 15- (9,00 euro).
  • Corrispettivo del servizio versamento (1,46 euro) + IVA 22% (0,32 euro).
  • Totale diritti e commissione (10,78 euro).

In caso di mancata revisione della tua vettura, le multe vanno da 159 a 639 euro. Cifra che raddoppia se l’infrazione dura da anni. Ma il portafogli alleggerito non sarà l’unica conseguenza, oltre alla multa la legge prevede il sequestro del libretto di circolazione e il fermo del mezzo, quindi attenzione.

Revisione auto 2017, la tua opinione

Queste sono tutte le novità apportate per la revisione auto 2017. Hai bisogno di far controllare la tua vettura quest’anno? Credi che i provvedimenti presi dal Parlamento italiano siano equi, oppure pensi siano eccessivi? Condividi la tua opinione nei commenti.

About the Author

Marilena D'Ambro

Giornalista, blogger e webwriter. Scrivo per diversi blog tra cui: SEOchef, HostingVirtuale, Io viaggio e LogicalDOC – Gestione documentale facile. Non inizio la mia giornata senza un buon caffè e una passeggiata immersa nella natura in compagnia del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *