Skip to main content
Manutenzione Auto

Revisione auto: cosa cambia? Ecco le novità e le date da rispettare

Di 19 Marzo 2020Marzo 7th, 20242 Comments
revisione auto 2020

Dopo il ritorno effettivo delle scadenze ogni 4 anni per chi è al primo controllo e ogni 2 per i passaggi successivi, la revisione auto 2024 prevede delle novità interessanti che devi assolutamente conoscere.


Il cambio data della revisione è stato definito dal nuovo regolamento UE 2021/267 del 16 febbraio 2021 (qui trovi il documento). Ma oggi la revisione auto, con relativi controlli tecnici periodici dei veicoli a motore e dei loro rimorchi, ritorna al suo regime ordinario. Cosa sapere?

Revisione auto 2024: linee generali

Oltre ai controlli per verificare lo stato di efficienza dell’auto, in fase di revisione si sta cercando anche di rendere più difficili le frodi. Per questo è stato introdotta la registrazione dei chilometri indicati dal tachimetro alla data della revisione. Tale dato, oltre ad essere riportato sul tagliando da apporre sul libretto, è reso pubblico e consultabile tramite la targa, sul portale dell’automobilista. Questo per combattere la pratica di scalare il chilometraggio di un’auto usata prima di venderla. 

Le novità sui controlli generali

Da quest’anno, ci sarà un ulteriore strumento di controllo. Il centro revisioni, infatti, si collegherà all’auto attraverso la porta OBD (On Board Diagnostic) per effettuare una nuova serie di test.

La presa OBD, presente sulle auto ormai da diversi anni, è una interfaccia fino ad oggi utilizzata dall’officina per leggere i codici errore e fare la diagnosi dei guasti. Interrogando la centralina si può controllare se la spia MIL (quella gialla con il simbolo del motore) risulta accesa. Ma anche eventuali errori registrati, la corrispondenza del numero identificativo dell’auto VIN con quello riportato dal libretto e sul telaio, il chilometraggio memorizzato con quello indicato dal tachimetro. 

Al momento, solo la segnalazione della spia accesa comporterà il non superamento della revisione. Le altre anomalie o discrepanze verranno semplicemente annotate. Questo però, segna l’inizio di una nuova era della revisione dell’auto, che si aggiorna e adegua alle nuove tecnologie.

Quali sono i tempi della revisione?

Quanto tempo ho per fare la revisione? Anche nel 2024 controllo deve essere effettuato nell’arco di tutto il mese in cui cade la sua scadenza. Per capire questo meccanismo bisogna approfondire i tempi della direttiva che lascia ai Paesi membri la libertà di decidere la periodicità delle revisioni.

Revisione periodica

Obbligatoria per gli autoveicoli con massa minore o uguale a 3.5 tonnellate. Dopo la prima immatricolazione, la prima ispezione con revisione si fa 4 anni. Le successive ogni 2.

Revisione annuale

Indicata per gli autoveicoli con massa maggiore a 3.5 tonnellate (indipendentemente dal loro uso), per i taxi, autobus, autoambulanze e veicoli a noleggio con conducente della vettura.

Revisione biennale

Questo dettaglio è particolarmente importante. La revisione ogni due anni è obbligatoria per gli autoveicoli d’epoca o di interesse storico e per tutta la categoria di veicoli atipici.

Revisione straordinaria

Si tratta di un controllo che può essere richiesto dall’Ufficio Dipartimento dei Trasporti Terrestri in seguito ad un incidente specifico. La segnalazione è a cura della Polizia che accerta l’atto.

Da leggere: quali sono le frodi sul chilometraggio 

Chi deve fare revisione auto nel 2024?

Nel 2024 dovranno fare le revisioni i veicoli immatricolati nel 2020 (dato che sono passati 4 anni) e quelli che hanno svolto l’ultimo controllo nel 2022. O che comunque hanno l’obbligo di verifica biennale. Chiaramente sono chiamati all’appello che chi fa la revisione annuale.

Ora tocca a te: vorrei ascoltare la tua esperienza. Hai già effettuato la revisione auto 2024? Se sì, o se hai dubbi in proposito, raccontami la tua esperienza con un commento specifico.

Andrea Tartaglia

Giornalista & blogger specializzato in Automotive. Già in tenera età riconoscevo un'auto dal suono del motore. Con il tempo ho coronato il mio sogno: lavorare nel mondo dell'Auto, ne ho vendute talmente tante che credo di aver perso il conto. Oggi invece scrivo, coltivando così le altre mie passioni: la Scrittura e il Digital.

2 Comments

  • Elso ha detto:

    La scadenza della revisione effettuata in seguito ad incidente stradale emessa da parte della Motorizzazione Civile, proroga di altri due anni da quest’ultima revisione, oppure si conteggiano i due anni a decorrere dalla data dell precedente revisione periodica?

    • Andrea Tartaglia ha detto:

      I due anni decorono sempre dall’ultima revisione effettuata, sia essa periodica oppure straordinaria (a seguito di inicdente, di nuova immatricolazione per un’auto importata etc.)

Lascia un commento