Skip to main content
Amministrazione Auto

Cos’è e chi paga il superbollo auto?

superbollo auto

Il superbollo auto è una tassa di matrice erariale rivolta alle auto che superano una certa potenza. Si aggiunge a quelle che si pagano normalmente, tipo il bollo ordinario che però va nelle casse regionali.


Ricordi quando è stato introdotto il superbollo sulle auto di grande cilindrata e che superano determinate potenze? Forse non è un argomento che ti riguarda da vicino dato che hai appena cercato le migliori auto per la città o un’utilitaria che ti permetta di fare anche un viaggio fuori porta. Ma è bene conoscere tutti i dettagli che riguardano il mondo delle tasse auto.

Tutto è iniziato nel 2011, con il governo Berlusconi, nello specifico con articolo 23, comma 21, del D.L. del 6 luglio. Questa tassa è stata anche inasprita dal successivo presidente del consiglio, Mario Monti. Per colpire proprio i beni di lusso come yacht, aerei privati e vetture potenti. Obiettivo raggiunto? Difficile dirlo, per ora ci limitiamo ad approfondire questo argomento.

Cos’è il superbollo auto e chi lo paga?

Si tratta di un’imposta indiretta su beni non necessari(nota anche come addizionale erariale sulle tasse automobilistiche) che colpisce i possessori di auto particolarmente potenti.

A differenza del bollo auto ordinario, questo balzello non è regionale. Inoltre deve essere versato solo da chi possiede una vettura con una potenza superiore a 185 kW. Per fare un esempio, la BMW R 1200 GS ha un valore di 92 kW mentre in media una Ferrari da strada supera i 400 kW.

Da leggere: condono per bollo auto non pagato

Quanto si deve pagare in più in questo caso?

Il punto: qual è l’importo da aggiungere al bollo ordinario per chi possiede un’auto molto potente? La regola per i veicoli nuovi è semplice: 20 euro per ogni kW che eccede i 185 kW.

Per le vetture che superano determinati anni di vita si applica una riduzione di vetustità. In pratica, più l’auto è vecchia e meno paghi. Questa è la tabella da tener presente:

Data di costruzioneImporto dovuto
5 anni60%
10 anni30%
15 anni15%

Dopo i 20 anni decade l’obbligo di pagare il superbollo. In ogni caso per calcolarlo puoi utilizzare il comodo servizio dell’Agenzie delle Entrate (agenziaentrate.gov.it/calcolosuperbollo).

Quando e come si paga il superbollo auto

Questa tassa annuale segue le stesse date di pagamento del bollo auto, cambia solo il soggetto al quale effettuare il bonifico. Ovvero lo Stato e non la regione.

Per procedere bisogna compilare il Modello F24 elementi identificativi che si scarica sempre dal sito dell’Agenzia delle Entrate. Il pagamento può essere effettuato in banca (anche home banking) e alla posta. Il codice identificativo è 3364 Addizionale erariale alla tassa.

Devo pagare se l’auto è ferma in garage?

Su questo punto ci sono tutte le similitudini con il bollo standard. Quindi si tratta di una tassa di possesso, significa che bisogna pagare anche se l’auto rimane ferma in garage. Opzione tipica di molte vetture di lusso e/o sportive, che vengono utilizzate solo in determinati periodi.

Per approfondire: come verificare il pagamento bollo auto

Ci sono delle esenzioni per il superbollo auto?

Si applicano le stesse regole che ti consentono di non pagare il bollo ordinario, quindi chi è esente dalla prima tasse può evitare di versare anche la seconda. Assicurati di essere realmente escluso/a perché ci sono delle sanzioni per chi non paga il superbollo auto. Ovvero?

Si parla di una sanzione del 30% per il ravvedimento spontaneo con pagamento in ritardo e ulteriore 3,5% di mora annua (da aggiungere alla precedente multa) per accertamento.

GaranziaOnline Assicura la tua Auto su Guasti Imprevisti

Consulta il testo unico delle leggi sulle tasse automobilistiche che indica tutte le eccezioni permanenti. Per approfondire puoi leggere l’articolo dedicato alle esenzioni del bollo auto.

Riccardo Esposito

Webwriter freelance, formatore, blogger per My Social Web. Mi occupo di scrittura online, aiuto imprese e liberi professionisti a organizzare strategie di blogging. Ho scritto due libri sulla scrittura online per Flaccovio Editore.

Lascia un commento